Home/Servizi/Bando pubblico per l’assegnazione di n.18 alloggi in locazione permanente in via Spinelli nn. 5-7

Servizi

Bando pubblico per l’assegnazione di n.18 alloggi in locazione permanente in via Spinelli nn. 5-7

Descrizione del servizio

Il Comune di San Lazzaro di Savena indice un bando pubblico per la formazione di una graduatoria per l’assegnazione di n. 18 alloggi in locazione permanente in via Spinelli nn. 5-7.

Gli alloggi oggetto del presente bando, situati in Via Spinelli nn. 5-7, sono n. 18, di cui:

  • n. 8 al civico n° 5
  • n. 10 al civico n° 7

Per la descrizione degli appartamenti si invita alla lettura della tabella presente sul bando.

Gli edifici nei quali sono collocati gli alloggi sono progettati in modo da conseguire elevati standard di efficienza energetica ed è presente l’ascensore che permette l’accessibilità a tutti gli alloggi realizzati. Tutti gli appartamenti sono privi di cantina ma dotati di autorimessa di pertinenza.

Il canone riportato nella tabella descrittiva degli appartamenti comprende l’autorimessa di pertinenza ma non gli oneri accessori della locazione, ex L. n. 431/98.

Gli importi dei canoni sono determinati sulla base della tipologia dell’alloggio e nel rispetto di quanto stabilito dal piano economico finanziario per la realizzazione dell’intervento edilizio.

Presentazione della domanda

Requisiti del richiedente

Al bando possono partecipare coloro che alla data di presentazione della domanda siano in possesso dei requisiti di seguito elencati:

1. cittadinanza italiana o di uno stato appartenente all’Unione Europea
oppure
cittadinanza di altro Stato non appartenente all’Unione Europea, purché titolare di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, ai sensi dell’art. 9 del D.Lgs. 27/05/1998, n. 286 e sue modificazioni ed integrazioni.
ll requisito della cittadinanza è richiesto in capo al solo richiedente.
Qualora il nucleo richiedente sia composto da due o più persone è richiesto il regolare soggiorno a tutti i componenti il nucleo che presenta domanda.

2. residenza anagrafica o attività lavorativa esclusiva o principale nel Comune di San Lazzaro di Savena o in un Comune ad esso contermine (Bologna, Ozzano dell’Emilia, Pianoro, Castenaso).
Il requisito concernente la residenza anagrafica nel Comune di San Lazzaro di Savena o in un Comune contermine non è richiesto ai militari appartenenti ai corpi di Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Arma dei Carabinieri, Carabinieri Forestali (ex Corpo Forestale dello Stato), Polizia Penitenziaria e Corpo dei Vigili del Fuoco accedenti alla riserva di alloggi di cui al punto 11. del presente Avviso, per i quali è esclusivamente richiesto di svolgere la propria attività lavorativa esclusiva o principale nel territorio del Comune di San Lazzaro di Savena.

3. essere in una delle seguenti condizioni:

  • Lavoratori dipendenti stabilmente impiegati con rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato (sia a tempo pieno sia parziale), obbligati alla dichiarazione IRPEF per redditi di lavoro dipendente. Si precisa che non è in possesso di tale requisito colui che si trovi sospeso dall’attività o soggetto ad orario ridotto per qualsiasi titolo, salvo il caso del tempo parziale o dell’aspettativa o congedo con mantenimento del diritto al posto di lavoro.
  • Titolari di pensione.
  • Lavoratori autonomi che esercitino una regolare attività.
    Il suddetto requisito è richiesto in capo al solo richiedente, salvo il caso in cui il nucleo che presenta domanda sia composto da due o più persone non legate tra di loro da vincoli di parentela o affinità: in tal caso il requisito deve essere posseduto da tutti i componenti il nucleo stesso.

4. assenza di condanne peali.
Il requisito è richiesto a tutti i componenti il nucleo richiedente e dovrà essere auto-certificato in domanda ai sensi del Decreto Presidente della Repubblica (DPR) n. 445/2000 e s.m.i.A richiesta dell’Amministrazione comunale dovrà essere fornita la relativa attestazione del Casellario Giudiziario in corso di validità.

5. il nucleo familiare richiedente non deve essere titolare del diritto di proprietà, uso o abitazione, di un alloggio adeguato alle necessità del nucleo familiare, ai sensi della normativa regionale vigente relativa all’edilizia agevolata, ubicato nel territorio regionale.
É consentita la partecipazione anche nel caso in cui il richiedente o un componente del suo nucleo familiare si trovi in una soltanto delle seguenti situazioni:

  • sia comproprietario, di non più di un alloggio, con terzi non appartenenti al nucleo familiare e da tali terzi occupato. L’occupazione deve risultare dal certificato di residenza;
  • sia proprietario o comproprietario di non più di un alloggio non disponibile per l’utilizzo in quanto gravato da specifici diritti reali su di esso, attribuiti ad altri soggetti, in virtù di un atto di data anteriore a quello di pubblicazione del presente bando. Si prescinde da tale data nel caso di diritto di abitazione riconosciuto a favore del coniuge superstite;
  • sia proprietario o comproprietario di non più di un alloggio che risulti inagibile come da certificazione rilasciata dal Comune interessato o che non consenta l'accesso o l'agibilità interna a uno o più componenti del nucleo familiare del titolare che siano affetti da handicap con problemi di deambulazione e abbiano un grado di invalidità pari o superiore al 66%;sia proprietario di non più di un alloggio non idoneo alle esigenze del nucleo familiare. Per alloggio idoneo si intende quello di superficie utile almeno pari a 30 mq con ulteriori 15 mq per ogni componente oltre i primi due.
Il possesso del requisito relativo alla titolarità di diritti reali su beni immobili è richiesto in capo a tutti i componenti il nucleo familiare richiedente.

6. Non può presentare domanda il nucleo richiedente che:

  • ha già beneficiato di riscatto di un alloggio di edilizia resdienzia pubblica (ERP) precedentemente assegnato;
  • ha usufruito di precedenti finanziamenti agevolati in qualunque forma concessi dallo Stato o da Enti pubblici per l'acquisto di una casa.

7. il valore dell’attestazione ISE/ISEE in corso di validità del nucleo richiedente deve rispettare i seguenti valori:

  • valore ISE da euro 11.000,00 a euro 66.759,00;
  • valore ISEE da euro 5.000,00 a euro 41.908,00;
  • valore del patrimonio mobiliare lordo ai fini ISEE non superiore a euro 80.000,00.

L’attestazione ISEE da prendere in considerazione è quella così detta "ordinaria", per le prestazioni sociali agevolate, DPCM n. 159/2013, e s.m.i., con scadenza al 31 dicembre dell’anno in corso di presentazione della domanda.Nel caso di persone singole intenzionate a presentare domanda per costituire futura convivenza more uxorio o unione civile, ma che sono anagraficamente inserite in altro nucleo familiare - purché si distacchino costituendo un nuovo nucleo familiare a sé stante entro il termine di 90 (novanta) giorni dalla consegna dell’alloggio, assumendo ivi la residenza - entrambe le attestazioni ISE/ISEE dei due nuclei di provenienza dovranno rispettare i valori di accesso richiesti dal presente bando pubblico.

8. non può presentare domanda il nucleo richiedente che:

  • non possiede tutti i requisiti e le condizioni previste dal presente bando e dalla normativa di riferimento;
  • ha già beneficiato di riscatto di un alloggio di edilizia residenziale (ERP) precedentemente assegnato;
  • ha usufruito di precedenti finanziamenti agevolati in qualunque forma concessi dallo Stato o da Enti pubblici per l’acquisto di una casa;
  • ha occupato abusivamente e senza titoli un alloggio di proprietà pubblica;
  • ha rilasciato volontariamente un alloggio pubblico da meno di dieci anni dalla data di rilascio;
  • ha ceduto in tutto o in parte, alloggio di proprietà pubblica eventualmente assegnato in precedenza in locazione;
  • ha subito un provvedimento di sfratto esecutivo derivante da morosità o da inadempienza contrattuale di un alloggio pubblico;
  • é assegnatario di unità immobiliare, tra quelle in gestione ad Acer Bologna, con inadempienza contrattuale o morosità nel pagamento del canone e/o delle spese accessorie. Si considera morosità la mancata corresponsione di un importo superiore complessivamente a n. 3 (tre) bollette emesse e scadute.

9. Altre norme attinenti i requisiti di accesso:

  • Nucleo familiare avente titolo
    Per nucleo familiare richiedente, ai fini dell’accertamento dei suddetti requisiti, si intende la famiglia anagraficamente costituita dai coniugi, non legalmente ed effettivamente separati, dalle unioni civili, dai conviventi more uxorio, dai figli legittimi, naturali, riconosciuti ed adottivi e dagli affiliati con loro conviventi anagraficamente.
    Fanno altresì parte del nucleo familiare, purché conviventi anagraficamente, gli ascendenti, i discendenti, i collaterali fino al terzo grado e gli affini fino al secondo grado.
    I minori in affido all’interno del nucleo familiare sono equiparati a quelli adottivi e naturali.
    Rientrano nella definizione di nucleo familiare richiedente anche i nubendi o i richiedenti intenzionati a convivere more-uxorio, purché tali nuclei si costituiscano entro il termine di 90 (novanta) giorni dalla consegna dell’alloggio, assumendo ivi la residenza.
    Per nucleo avente diritto si intende anche quello fondato sulla stabile convivenza more-uxorio, nonché il nucleo di persone anche non legate da vincoli di parentela e affinità, qualora la convivenza abbia carattere di stabilità e sia finalizzata alla reciproca assistenza morale e materiale. Tale forma di convivenza, salvo che ne sia derivata la nascita dei figli, deve essere stata instaurata almeno due anni prima della data di presentazione della domanda di assegnazione.
    Ogni persona inserita in domanda, può appartenere ad un unico nucleo familiare richiedente.
  • Condizioni di ammissibilità e di punteggio
    Tutti i requisiti richiesti per l’accesso all’avviso pubblico, così come le condizioni oggettive e soggettive di punteggio, devono sussistere sia alla data di presentazione della domanda sia alla data di verifica per l’assegnazione dell’alloggio.
    Tali requisiti e le condizioni di punteggio, anche se materialmente accertati successivamente, vanno riferiti alle suddette date.
    I requisiti di ammissione devono permanere al momento della domanda, della verifica dei requisiti e della sottoscrizione del contratto di locazione.
  • Condizione di solvibilità
    L’assegnazione dell’alloggio avverrà unicamente a favore dei nuclei aventi titolo che soddisfano la condizione di solvibilità, consistente nell’incidenza del canone relativo al futuro alloggio in misura uguale o inferiore al 30% della somma redditi di cui all’attestazione ISE/ISEE in corso di validità al momento della presentazione della domanda e al momento della verifica dei requisiti.
    In assenza di tale condizione non si procederà a contattare il richiedente con conseguente esclusione della domanda dalla graduatoria.

Modalità di presentazione

Le domande di partecipazione al presente bando devono essere compilate esclusivamente sui moduli on-line predisposti dal Comune, disponibili al seguente link:

https://istanzeonline.comune.sanlazzaro.bo.it/settore-welfare/ALLOGGISPINELLI

Non saranno considerate le istanze pervenute con altro mezzo.

Per ricevere assistenza nella compilazione della domanda occorre fissare un appuntamento, presso lo Sportello Sociale, via Emilia 90, nelle giornate di lunedì, martedì, mercoledì e giovedì dalle 9.30 alle 12.30, chiamando il numero 051 622.82.55 dal lunedì al giovedì dalle 8.30 alle 12.30 e il giovedì anche dalle 14.30 alle 17.30 oppure via e-mail indirizzando una richiesta alla casella di posta: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Per informazioni e chiarimenti è possibile utilizzare il seguente account di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. inviando le comunicazioni con congruo anticipo rispetto ai termini di scadenza del bando.

Alla domanda di partecipazione devono essere allegati, a pena di esclusione, i seguenti documenti:

  • Fotocopia di un documento di identità fronte e retro del sottoscrittore in corso di validità;
  • Per il richiedente non comunitario, copia del permesso di soggiorno CE per lungo soggiornanti;
  • Per chi non è in possesso di un’attestazione ISEE in corso di validità, ricevuta dell’avvenuta presentazione della DSU o di appuntamento presso i Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale (CAAF) o soggetto accreditato per la presentazione;
  • Solo per i soggetti disabili che intendono accedere alla prelazione di cui al punto 11.2 del bando, certificazione attestante il requisito ai sensi della normativa vigente:
    • d.1. Certificato di invalidità o di riconoscimento dello stato di handicap (per gli adulti);
    • d.2. Certificato di invalidità di guerra, mutilato o invalido di servizio con relativa categoria;
    • d.3. Certificazione di non autosufficienza riconosciuta da UVGT per anziani;
    • d.4. Certificazione della condizione di handicap grave in capo a minore di anni 18.

Il Comune di S. Lazzaro di Savena non si assume responsabilità per l’eventuale dispersione delle domande dipendente da inesatte indicazioni del destinatario da parte del richiedente o imputabili a terzi, caso fortuito o forza maggiore.

I moduli di domanda sono presentati sotto forma di dichiarazione sostitutiva ai sensi degli artt. 3, 46 e 47 del D.P.R. 445/2000.

Con la firma apposta in calce alla domanda il concorrente dichiara sotto la sua personale responsabilità di essere in possesso dei requisiti e delle condizioni in essa indicate e si impegna a fornire, se necessario, idonea documentazione probatoria circa la veridicità dei dati e delle dichiarazioni contenute nella domanda e nei suoi allegati qualora non sia possibile acquisirla d’ufficio perché già in possesso del Comune o di altra Pubblica Amministrazione.

Il richiedente deve inoltre dichiarare di essere a conoscenza che in fase istruttoria potranno essere eseguiti controlli diretti ad accertare la veridicità delle informazioni fornite e di essere consapevole delle sanzioni penali previste in caso di dichiarazioni mendaci, ai sensi degli artt. 75 e 76 del D.P.R. 445/2000.

L’eventuale assistenza fornita dagli operatori per la compilazione della domanda non dà luogo all’insorgere di responsabilità da parte dell’operatore addetto circa la correttezza e veridicità delle dichiarazioni rese.

Scadenza per la presentazione

Le domande dovranno essere presentate a partire dal 1° settembre 2021 e fino al 7 ottobre 2021. Non saranno considerate le istanze pervenute oltre tale termine.

Risposta

Modalità

Attribuzione del punteggio

La graduatoria sarà formulata sulla base di punteggi indicati con numeri interi, che verranno attribuiti a ogni domanda, in relazione alle condizioni sotto elencate, riferite al richiedente e al suo nucleo familiare in domanda. Le condizioni non dichiarate espressamente sul modulo domanda o non rilevabili d’ufficio sulla base della documentazione allegata, non daranno luogo all’attribuzione dei punteggi. Le condizioni per l’attribuzione dei punteggi devono essere possedute alla data di presentazione della domanda e al momento della verifica dei requisiti e delle condizioni per l’assegnazione.

Condizioni abitative

  • Abitazione - ubicata fuori del territorio del Comune di San Lazzaro di Savena - che debba essere rilasciata a seguito di provvedimento esecutivo di sfratto, omologa di separazione, separazione legale o altra sentenza passata in giudicato = Punti 3
  • Abitazione - ubicata nel territorio del Comune di San Lazzaro di Savena - che debba essere rilasciata a seguito di provvedimento esecutivo di sfratto, omologa di separazione, separazione legale o altra sentenza passata in giudicato = Punti 6
  • Avere abbandonato l’alloggio ed essere in accertate condizioni di precarietà abitativa a seguito di ordinanza di sgombero o comunque di provvedimento per motivi di utilità o per collocamento a riposo in caso di occupazione di alloggio di servizio da non oltre 12 mesi = Punti 4
  • Avere abbandonato l’alloggio ed essere in accertate condizioni di precarietà abitativa a seguito di ordinanza di sgombero o comunque di provvedimento per motivi di utilità o per collocamento a riposo in caso di occupazione di alloggio di servizio da oltre 12 mesi = Punti 6

Decadenza alloggi E.R.P.

  • Nucleo assegnatario di appartamento ERP - ubicato fuori del territorio del Comune di San Lazzaro di Savena - collocato in area di decadenza per superamento dei limiti di reddito ISE/ISEE previsti dal DAL n. 154/2018 e s.m.i. per la permanenza negli alloggi di ERP = Punti 3
  • Nucleo assegnatario di appartamento ERP - ubicato nel territorio del Comune di San Lazzaro di Savena -collocato in area di decadenza per superamento dei limiti di reddito ISE/ISEE previsti dal DAL n. 154/2018 e s.m.i. per la permanenza negli alloggi di ERP = Punti 6

Condizioni soggettive

  • (*) Anzianità di residenza nel Comune alla data di scadenza della presentazione della domanda:
    • Residenza anagrafica nel Comune di San Lazzaro di Savena fino a 3 anni = Punti 8
    • Residenza anagrafica nel Comune di San Lazzaro di Savena da 4 a 6 anni = Punti 9
    • Residenza anagrafica nel Comune di San Lazzaro di Savena da 7 a 10 anni = Punti 10
    • Residenza anagrafica nel Comune di San Lazzaro di Savena da oltre 10 anni = Punti 12
  • (*) Attività lavorativa nel Comune di San Lazzaro di Savena =  Punti 4
  • Nucleo familiare composto da due persone entrambi di età superiore ai 65 (sessantacinque) anni = Punti 3
  • Nucleo familiare composto da 1 adulto con minore a carico a seguito di: separazione legale, divorzio, vedovanza, affidamento familiare e tutelare, figlio riconosciuto da un solo genitore = Punti 6
  • Nucleo familiare richiedente costituito da una coppia di giovani in cui l’età massima di entrambi sia 35 anni: nuclei familiari già costituiti, formati da coniugi sia in regime di comunione che separazione dei beni;
  • nubendi, conviventi more-uxorio o intenzionati a convivere more-uxorio; i nuclei devono risultare costituiti in data non successiva a 60 giorni dalla data di consegna dell’alloggio, assumendo ivi la residenza =Punti 8

(*) I punteggi relativi alla residenza o attività lavorativa sono reciprocamente esclusivi e pertanto non cumulabili fra loro; le rispettive condizioni – residenza o attività lavorativa – si intendono possedute al momento di presentazione della domanda senza soluzione di continuità in quanto all’attribuzione del relativo punteggio e devono comunque persistere al momento dell’eventuale assegnazione.

Riserve e prelazioni

Riserva

Degli alloggi in proposta nell’avviso pubblico è istituita una riserva per n. 5 alloggi - di cui 3 bilocali e 2 trilocali, tutti ubicati al civico n° 5 - ai militari che prestano servizio presso una stazione-caserma-presidio situati nel territorio del Comune di San Lazzaro di Savena, appartenenti ai corpi di Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Arma dei Carabinieri, Carabinieri Forestali (ex Corpo Forestale dello Stato), Polizia Penitenziaria e Corpo dei Vigili del Fuoco.

Prelazione

É altresì prevista una prelazione su n. 1 alloggio (bilocale) di superficie netta pari a mq 51,46 posto a piano terra, ubicato al civico n° 5 e predisposto per disabili, esclusivamente a favore di portatori di handicap in una delle seguenti condizioni, certificate secondo le vigenti disposizioni normative nazionali e regionali:

  • handicap permanente e grave in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione, ai sensi dell’art. 3 comma 3 della Legge n. 104/92 e successive modifiche ed integrazioni;
  • soggetti anziani ultrasessantacinquenni certificati non autosufficienti dalla competente Unità di Valutazione Geriatrica Territoriale ai sensi della disciplina vigente in materia di tutela di anziani non autosufficienti con valore B.I.N.A. di almeno punti 700;
  • soggetti con invalidità certificata al 100%;
  • minore di anni 18 in condizione di handicap, che abbia difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della sua età.

Le domande pervenute da parte delle categorie oggetto della riserva e prelazione saranno ordinate secondo i punteggi conseguiti dalle rispettive domande secondo i criteri precedentemente descritti.Qualora non pervengano domande ammissibili per le tipologie di alloggi sopra indicati, oggetto di riserva e prelazione, gli stessi verranno assegnati ai nuclei presenti in graduatoria.

Formazione e pubblicazione della graduatoria

A chiusura del termine per la presentazione delle domande, il Servizio responsabile del procedimento provvede a verificare il possesso dei requisiti e la sussistenza delle condizioni dichiarati nella domanda e procede all’attribuzione dei relativi punteggi. Il Servizio procede inoltre a effettuare idonei controlli sulle domande presentate. Qualora dai controlli emergano dichiarazioni mendaci, il Servizio responsabile del procedimento provvederà ad escludere la domanda dalla graduatoria.

Qualora durante le fasi di verifica dei requisiti, sia accertata la non sussistenza o la non permanenza di uno o più requisiti, il mutamento o la non sussistenza o permanenza delle condizioni previste dal presente bando, sarà comunicato all’interessato/a l’esclusione dalla graduatoria o la nuova posizione in graduatoria. In caso di variazione di punteggio, la domanda è collocata nella posizione di graduatoria seguente a quella dell’ultimo nominativo con pari punteggio.

I requisiti per la presentazione della domanda e le condizioni di punteggio attribuito per la formazione della graduatoria, dovranno essere confermate in sede di verifica ai fini dell’assegnazione.

Sulla base dei punteggi attribuiti il Comune formulerà la graduatoria provvisoria, che sarà pubblicata all’Albo Pretorio online, sul sito internet del Comune www.comune.sanlazzaro.bo.it e sul sito dello Sportello sociale www.sanlazzarosociale.it  per 15 giorni consecutivi, entro i quali sarà possibile presentare eventuale ricorso al Comune.

All’esame dei ricorsi sarà preposta una Commissione nominata dal Comune di San Lazzaro di Savena e composta da almeno n. 3 membri esperti, di cui almeno uno segnalato da ACER - Azienda Casa Emilia-Romagna della Provincia di Bologna.

Successivamente all’esame degli eventuali ricorsi il Comune provvederà a formulare la graduatoria definitiva. In assenza di ricorsi, trascorso il termine di 15 giorni consecutivi dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria, la graduatoria provvisoria diverrà definitiva senza necessità di convocazione della Commissione di cui al precedente capoverso.

Il termine per la conclusione del procedimento di formazione della graduatoria definitiva è il ___________________. Il Comune assegnerà quindi gli alloggi ai nuclei in posizione utile e trasmetterà i provvedimenti di assegnazione ad Acer Bologna per la successiva sottoscrizione e gestione del contratto.

La graduatoria di assegnazione, sia provvisoria che definitiva, verrà formata secondo i seguenti criteri:

  1. ordine decrescente di punteggio ottenuto in riferimento al possesso delle condizioni oggettive e soggettive contemplate dal presente bando pubblico e del criterio di riserva eventualmente indicato, riferito al richiedente ed al proprio nucleo familiare;
  2. a parità di punteggio l’ordinamento avverrà in ordine di:
    1. valore ISE decrescente;
    2. valore ISEE decrescente;
  3. ora e data di invio della domanda e a parità di data e ora, secondo il numero di protocollo più basso.

Responsabile del procedimento

Funzionario sostituto ai sensi della L. 241/90