Home/Notizie/Dalla Regione un aiuto economico ai lavoratori senza stipendio né ammortizzatori sociali

Notizie

Dalla Regione un aiuto economico ai lavoratori senza stipendio né ammortizzatori sociali

150mila euro per i Comuni
aiuto economico ai lavoratori

Un aiuto a chi rischia di perdere il lavoro, trovandosi in aziende in particolare situazione di crisi.

La Giunta regionale ha approvato una delibera che assegna un primo stanziamento di 150 mila euro ai Comuni perché possano, a loro volta, destinare risorse a nuclei familiari di lavoratori sospesi dal lavoro e senza retribuzione, in attesa di vedere attivati gli ammortizzatori sociali e che si trovano anche a rischio di esclusione dalle misure di protezione sociale ordinarie.

Un primo supporto destinato ai Comuni o loro Unioni affinché possano assegnare risorse alle famiglie che piombano di colpo in condizioni di fragilità economica nel momento in cui uno dei componenti è coinvolto in particolari casi di crisi aziendali.

I fondi riguardano i Comuni dove si trovano sedi aziendali e punti vendita, ma anche quelli dove concretamente risiedono i lavoratori che ora non godono di altre misure di supporto, in attesa che la situazione si sblocchi.
Il provvedimento troverà la sua prima applicazione per il Mercatone Uno e per lavoratori e lavoratrici che sono sospesi tra occupazione e disoccupazione, in ogni caso senza stipendio e senza ammortizzatori.

I contributi, assegnati ai Comuni per un periodo che va dal 1 giugno 2019 e fino al 31 dicembre 2020, potranno essere utilizzati per il pagamento dell’affitto, delle utenze domestiche, di beni di prima necessità, di spese mediche o a carattere di urgenza, nonché esenzioni o agevolazioni riferite a servizi comunali. Saranno i Comuni sedi di aziende in crisi, di loro unità produttive o punti vendita, e quelli di residenza dei lavoratori coinvolti, a verificare le concrete necessità delle famiglie.