Disponibile il report dell'attività del 2018

prismaUn percorso d'ammodernamento istituzionale che va verso un welfare che coinvolge molto di più i cittadini, nelle decisioni e nella realizzazione delle attività per lo sviluppo del benessere, della promozione della salute mentale.

È quanto emerge dalle testimonianze raccolte nell'ambito di una ricerca per valutare la qualità e l’impatto che il programma PRISMA, sviluppato nel corso del 2018, ha prodotto sia sulla rete progettuale sia sui beneficiari delle attività. La ricerca è stata condotta dall’Istituzione Gian Franco Minguzzi, dal Centro Servizi per il Volontariato della Città Metropolitana di Bologna (VOLABO) e dall’Agenzia sanitaria e sociale della Regione Emilia-Romagna (ASSR).

L’indagine, svolta attraverso 21 interviste semi-strutturate con i referenti aziendali e i referenti delle associazioni, 4 focus group con dirigenti psichiatri e psicologi, con professionisti del DATeR infermieri e educatori e con utenti, si è centrata su tre punti cruciali:

  • approfondire le premesse dell’azione progettuale contenuta nel programma, evidenziando in particolare la rete che si è costituita attorno a Prisma, gli obiettivi, le attività svolte, gli strumenti più o meno efficaci, i punti di forza e le criticità, i risultati;
  • approfondire la trasformazione dell’azione progettuale attraverso il punto di vista degli attori coinvolti, in particolare quanto essa è divenuta “pratica d’uso” all’interno del servizio; 
  • far emergere gli esiti in termini di impatto del programma sulla vita dei beneficiari cui è stato rivolto (utenti, associazioni e operatori).

Documentazione

Collegamenti utili