Articoli

Agevolazioni tariffarie per il servizio di fornitura di energia elettrica (Bonus elettrico) - IN AGGIORNAMENTO

Come stabilito dal Decreto Legge 26 ottobre 2019 n. 124, convertito con modificazioni dalla Legge 19 dicembre 2019, n. 157, a partire dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico saranno riconosciuti automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto.

Non verrà invece erogato automaticamente il bonus per disagio fisico, pertanto i soggetti che si trovano in gravi condizioni di salute e che utilizzano apparecchiature elettromedicali per la loro sopravvivenza dovranno continuare a farne richiesta usando l'apposita modulistica.

Descrizione del servizio

Il bonus elettrico è uno sconto applicato sulle bollette dell'energia elettrica, riservato alle famiglie a basso reddito e agli utilizzatori di apparecchiature elettromedicali, introdotto con Delibera dell'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas n.117 del 6/8/2008.

Per i titolari di Social card il bonus elettrico spetta in automatico. I titolari della Social card, infatti, riceveranno direttamente in bolletta lo sconto sulla fornitura della luce, senza dover fare nulla (Comunicato dell'Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas del 25 ottobre 2010).

Il bonus elettrico (ma anche la Social card), sempre nel rispetto dei requisiti previsti per ogni singola misura, è cumulabile con il bonus gas e con il bonus idrico.

Dove e a chi rivolgersi

Presentazione della domanda

Chi può presentarla

Il bonus elettrico per disagio economico può essere richiesto dall'intestatario della fornitura per uso domestico, in abitazione anche diversa da quella di residenza.

Nel caso di richiesta sia del bonus elettrico sia del bonus gas e/o del bonus idrico, il richiedente deve essere titolare di almeno una delle forniture per cui si richiede il bonus e può richiedere il bonus anche per le altre due forniture purché intestate a un soggetto con la medesima residenza e appartenente allo stesso nucleo Isee.

Il bonus elettrico per disagio fisico può essere richiesto solo dall’intestatario della fornitura anche se diverso dal soggetto che utilizza l’apparecchiatura elettromedicale.

Requisiti del richiedente

Per usufruire del bonus è necessario essere in una delle seguenti condizioni:

- disagio economico
In questo caso è necessario che l'indicatore dell'Attestazione Isee del nucleo familiare richiedente sia in corso di validità al primo giorno da cui decorre il periodo di agevolazione(*) e rientri nei seguenti valori:

  • non superiore a 8.265 euro
  • non superiore a 9.360 euro se il richiedente è titolare del Rdc/Pdc (Se il valore è superiore a 8.265 ed inferiore a 9.360 euro si potrà richiedere solo il bonus elettrico e/o gas, se il valore è uguale o inferiore a 8.265 euro si potrà richiedere anche il bonus idrico).
  • non superiore a 20.000 euro per i nuclei familiari con quattro o più figli a carico.

(*)Il periodo di agevolazione decorre dal primo giorno del secondo mese successivo all'inserimento della domanda sul sistema informatico da parte del Comune.

- disagio fisico
In questo caso per presentare la richiesta di bonus non occorre Attestazione Isee, ma è necessario che presso l'abitazione del richiedente sia presente (residente o domiciliato) un soggetto affetto da grave malattia, costretto ad utilizzare apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.

Se l'intestatario presenta sia una situazione di disagio economico che di disagio fisico, può fare entrambe le richieste.

Documenti da presentare

Per ottenere il bonus elettrico (disagio economico), come stabilito dal Decreto Legge 26 ottobre 2019 n. 124, convertito con modificazioni dalla Legge 19 dicembre 2019, n. 157, a partire dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico saranno riconosciuti automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto.

I potenziali beneficiari dovranno presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica per la richiesta dell'ISEE e ogni dato anagrafico e fiscale sarà a disposizione dell’Inps per le verifiche necessarie.

Per ottenere il bonus elettrico (disagio fisico) occorre fare domanda compilando l'apposito modulo di domanda (modulo B).

I moduli sono disponibili, oltre che in allegato alla presente scheda, anche presso :

Alla richiesta per disagio fisico (modulo B) devono essere allegati:

  • copia del documento di identità in corso di validità dell'intestatario della fornitura;
  • certificazione ASL, nel caso di utenti per l'utilizzo di apparecchiature elettromedicali per il mantenimento in vita (modulo Asl);
  • atto di delega (allegato D) se il richiedente delega altra persona alla presentazione della domanda;
  • inoltre occorre il codice fiscale dell'utilizzatore delle apparecchiature elettromedicali se diverso dall'intestatario della fornitura (da riportare sul modulo di richiesta).

In caso di variazione di residenza in altro Comune nel corso dei 12 mesi di durata del bonus, per mantenere la continuità nell'erogazione del contributo, occorre presentare al nuovo Comune di residenza il modulo di domanda di variazione di fornitura (modulo VF), purché presso la nuova residenza sia attiva una fornitura elettrica intestata al cliente o a un componente del nucleo familiare. Al modulo devono essere allegati:

  • copia del documento di identità in corso di validità del richiedente;
  • copia del documento di identità in corso di validità dell'intestatario della fornitura quando non intestata al richiedente (campo 5);
  • atto di delega (allegato D) se il richiedente delega altra persona alla presentazione della domanda.

Modalità di presentazione

La richiesta per disagio fisico deve essere fatta direttamente allo Sportello sociale, presentando tutta la documentazione (scarica l'elenco dei documenti da presentare).

Non occorre compilare il modulo di domanda, se la stessa viene presentata dalla persona intestataria della fornitura, perché la compilazione avviene direttamente sul programma informatico e il modulo viene stampato e sottoscritto allo sportello.

 

Scadenza per la presentazione

Le richieste possono essere presentate durante tutto l'anno.

Lo sconto per disagio fisico è riconosciuto senza interruzione fino a quando è necessario l'uso di tali apparecchiature, quindi non è necessario rinnovare la richiesta.

Dove presentarla

Le richieste per disagio fisico possono essere presentate presso lo Sportello sociale

Risposta

Tempi

Le società distributrici di energia elettrica applicano gli sconti in bolletta a decorre dal primo giorno del secondo mese successivo all'inserimento della domanda sul sistema informatico da parte del Comune.

Il cittadino, contestualmente alla ricevuta di inserimento della domanda, riceve delle credenziali di accesso al sistema per verificare in qualunque momento qual è lo stato della sua pratica.

Modalità

Lo sconto viene applicato direttamente sulla bolletta, dove si comunica all'utente l'avvenuta ammissione alla compensazione.

L'importo relativo all'applicazione del Bonus verrà, inoltre, indicato in dettaglio in ogni documento di fatturazione, per tutto il periodo in cui se ne beneficia.

L'importo per il disagio economico varia in base ai componenti del nucleo familiare; per l'anno 2020 il contributo, in base alla Deliberazione del 27 dicembre 2019-572/2019/R/COM è di:

  • 125 euro per una famiglia di 1 o 2 persone
  • 148 euro per 3 o 4 persone
  • 173 euro per più di 4 persone


L'importo per il disagio fisico è collegato all'effettivo livello dei consumi ed al numero delle apparecchiature di supporto vitale, in modo da tenere conto delle specifiche necessità ed esigenze dei malati.

Sono previste tre fasce di extra-consumo rispetto a un utente-tipo (2700/kWh/anno):

L’importo del bonus per disagio fisico per i clienti domestici residenti con potenza impegnata fino a 3 kW è il seguente:

  • 185 euro per una fascia minima di extra consumo fino a 600 kWh/anno in più rispetto a un utente-tipo
  • 305 euro per una fascia media di extra consumo compresa tra 600 e 1200 kWh/anno in più rispetto a un utente-tipo
  • 440 euro per una fascia massima di extra consumo di oltre 1200 kWh/anno in più rispetto a un utente-tipo

L’importo del bonus per disagio fisico per i clienti domestici residenti con potenza impegnata superiore a 3 kW (da 4,5 kW in su) è il seguente:

  • 433 euro per una fascia minima di extra consumo fino a 600 kWh/anno in più rispetto a un utente-tipo
  • 548 euro per una fascia media di extra consumo compresa tra 600 e 1200 kWh/anno in più rispetto a un utente-tipo
  • 663 euro per una fascia massima di extra consumo di oltre 1200 kWh/anno in più rispetto a un utente-tipo

Se la famiglia si trova oltre al disagio fisico anche in situazione di disagio economico le due agevolazioni si sommano.